You are here

Gli strumenti della degustazione: il corretto bicchiere per l'acqua

Acquisire informazioni di base circa il migliore bicchiere da utilizzare per gustare al meglio due eccellenti acque, la naturale Acqua Panna e la frizzante S.Pellegrino.

Dalla scelta del bicchiere giusto alla sua posizione sul tavolo, ogni singolo dettaglio è importante quando si tratta di apprezzare appieno ed esaltare le proprietà organolettiche di un'acqua prestigiosa

Per far fronte a due acque con caratteristiche diverse, è necessario avere il bicchiere giusto. Nello specifico, sono necessari contenitori dalle forme diverse: uno per Acqua Panna dall’imboccatura larga, e un altro per S.Pellegrino dalliimboccatura stretta. Ciò che li accomuna, invece, sono il materiale con cui sono realizzati, l'assenza di spigoli e angoli acuti, l'assenza di uno stelo e lo spessore sottile, in particolare intorno al bordo del bicchiere.

Bisogna assicurarsi che il bicchiere per l'acqua sia rigorosamente di cristallo e che, quando si degusta Acqua Panna, consenta alle narici di avvicinarsi all’acqua per coglierne gli aromi sottili e fini.

Per quanto riguarda l'adeguata pulizia del bicchiere per l'acqua, ecco alcuni consigli: non usare mai detergenti, e quando si utilizza un bicchiere da degustazione per la prima volta, pulirlo prima con acqua tiepida e poi con aceto.

Per avere il miglior bicchiere per l'acqua bisogna ricordare che ogni dettaglio del servizio va seguito con la massima attenzione e cura. I bicchieri dell’acqua dovranno essere due: uno per la naturale e l’altro per quella frizzante, da sistemare sopra il segnaposto o il tovagliolo, leggermente distanti dai bicchieri del vino.

L’acqua deve essere presentata nella confezione originale in vetro e non travasata in caraffa, poiché potrebbe perdere parte delle sue caratteristiche sensoriali. È necessario assicurarsi che la bottiglia sia integra in tutte le sue parti e perfettamente pulita. La temperatura ideale di servizio di Acqua Panna è 10-12°C.

Qualità e purezza della natura